BTC non si occupa solo di questioni tecniche

Non è stato molto tempo fa, ma in termini di differenze di prezzo, tanto vale confrontare millenni diversi. Nel dicembre del 2019, il bitcoin era scambiato nel quartiere di circa 7.000 dollari. A parte il tuffo per gentile concessione di quel piccolo inconveniente che chiamo il romanzo coronavirus, è stato proprio quello. Se volevate salire a bordo del treno merci Bitcoin System, non stava diventando più economico.

Infatti, una volta superata la barriera delle cinque cifre dopo la pandemia, è stato il segnale per entrare a un prezzo „ragionevole“. Naturalmente, ragionevole è un termine relativo. Circa 13 mesi fa, c’è voluto un vero contrarian per acquistare BTC sapendo che, all’indomani della bolla di cripto-currency, circa nel 2017, il gettone di ricompensa originale a catena di blocco era una volta scambiato per poco più di 3.000 dollari.

Da allora, bitcoin è stato il brindisi della città, assicurandosi un notevole dieci-bagger. Poco dopo aver superato la barriera della resistenza psicologica di 20.000 dollari, ha continuato ad aggiungersi al suo rally da record. In breve tempo, si è lanciato verso i 30.000 dollari – e no, non ha chiesto un invito.

Tecnicamente, le altezze pazzesche che stiamo vedendo ora sono state previste diversi mesi fa. Il 19 dicembre 2019, ho scritto che, mentre la volatilità del prezzo del bitcoin non era incoraggiante a breve termine, a lungo termine, sembrava che si trattasse di una formazione rialzista.

In sintesi, si tratta di una fase di consolidamento orizzontale in cui tori e orsi negoziano fino ad un punto di „esaurimento“. In genere, alla fine di questa fase, si tratta di un robusto movimento di breakout verso l’alto.

A quanto pare, quello che avrei dovuto dire è che Bitcoin stava tracciando una formazione di bandiere rialziste. È un concetto simile: i tori e gli orsi negoziano fino a quando gli imbuti a diffusione alto-bassa non raggiungono un punto di apice. Da lì, il prezzo degli asset esplode più alto.

Ma ora che il bitcoin ha già fatto una mossa così forte, cosa possiamo aspettarci dopo? È qui che entrano in gioco i fondamentali.

I prezzi bassi (o negativi) sono un bene anche per il Bitcoin!

Una delle dinamiche perplessanti della crisi di Covid-19 è stata l’apparente disconnessione tra Wall Street e Main Street. Tra le terribili statistiche sulla perdita di posti di lavoro e la crisi degli sfratti – un problema che Washington continua a risolvere – il mercato azionario non ha fatto altro che boom. Se si guarda la situazione dall’esterno, non avrebbe senso.

Ma lo fa – anche se in modo malato e contorto – quando si tiene conto di dati economici sfumati. Attualmente, il tasso di interesse di riferimento è ai minimi storici, il che significa che gli investitori non guadagnano quasi nulla, se non in contanti. Ma il tasso d’interesse reale (o il tasso d’interesse che sostiene l’inflazione) è in realtà negativo.

Sapete cosa significa? In pratica, si paga la banca per tenere i propri soldi. Mi piace pensare che sia una „penalità garantita“ se non si fa qualcosa con il proprio denaro. Al contrario, se finisci per fare qualcosa con i tuoi soldi, sei ricompensato (cioè la banca ti paga per chiedere un prestito).

È strano. Ma ha implicazioni tremende per il bitcoin.

Il prezzo del bitcoin rispetto al tasso di interesse reale

Quello che abbiamo scoperto con l’effetto Robinhood è che, collettivamente, le persone sono più razionali di quanto non si creda. Come ha riferito la CNBC, molti americani hanno usato parte del loro controllo di stimolo del coronavirus per scambiare le azioni. E naturalmente lo facevano – con i tassi che andavano male, c’era meno incentivo a rimanere in contanti.

Inoltre, quest’era del denaro a basso costo si inserisce perfettamente nella mentalità millenaria. Come dicono costantemente i materiali di marketing intelligenti, i millenni cercano la convenienza, non la stabilità. Ebbene, cos’è Wall Street se non la rigidità del suo programma dal lunedì al venerdì? Non fatemi nemmeno iniziare a parlare di quanto sia scomodo per la gente della costa occidentale scambiare azioni.

Con bitcoin e altre valute crittografiche che vengono scambiate 24 ore su 24, 7 giorni su 7 – sì, anche su Martin Luther King, Jr. Giorno! – non si potrebbe avere una piattaforma più conveniente per evitare la penalizzazione dei tassi di interesse negativi.